Rinascimento

605174 Nascita di Venere, Botticelli - main image

A partire dalla fine del 1300 fino alla prima metà del 1500, un’ondata di rinnovamento culturale comincia a diffondersi in Europa. Il centro di questa trasformazione è la città di Firenze.

Con il termine Rinascimento, si intende un vero e proprio risveglio dell’arte e della cultura, alimentato dalla riscoperta dello splendore dell’età classica. A Roma, sculture e edifici antichi cominciano ad essere riportati alla luce e collezionati, mentre dall’Oriente i testi dei filosofi greci giungono a Firenze, dove vengono studiati e copiati, fornendo nuova ispirazione agli artisti e pensatori dell’epoca. Dominata da una classe dirigente di ricchi banchieri e commercianti, la città toscana è una delle più prospere ed influenti d’Europa e presenta le condizioni perfette per accogliere l’inizio di questo nuovo corso storico. Qui, infatti, le famiglie più in vista, le corporazioni e la chiesa sono disposte ad investire ingenti somme di denaro per lo sviluppo della loro città. È proprio all’interno di questo contesto che si muovono gli attori principali di questo rinnovato slancio culturale: prima fra tutti troviamo la famiglia Medici che pian piano riesce a mettere insieme una cerchia di scrittori, filosofi e artisti così ben nutrita da valere a Firenze il soprannome di Novella Atene.

Cosimo de’ Medici, detto il Vecchio, è fortemente attratto dai cimeli antichi, passione che tramanderà poi al nipote Lorenzo, e ha compreso che lo sviluppo culturale della sua città avrebbe giovato alla fama e influenza della sua famiglia. Trai suoi protetti troviamo nomi del calibro di Filippo Lippi, Lorenzo Ghiberti e Andrea del Castagno. Con Lorenzo, detto poi il Magnifico, questo programma culturale raggiunge il suo apice. Nella sua cerchia vi sono importanti pensatori come Marsilio Ficino e Pico della Mirandola, ma anche artisti oggi conosciuti in tutto il mondo come Sandro Botticelli e persino un giovanissimo Michelangelo. Nel frattempo, la famiglia Medici instaura a Firenze una signoria de facto, governando la politica cittadina e riuscendo anche ad influenzare quella estera.

In ambito artistico, la prima fase di questo rinnovamento avviene a cavallo tra 1300 e 1400 ed è generalmente conosciuta come Primo Rinascimento. I suoi fautori principali sono Filippo Brunelleschi, Masaccio e Donatello, rispettivamente in architettura, pittura e scultura.  Con le loro opere riescono a staccarsi dallo stile tardo gotico, recuperando i canoni estetici antichi e allo stesso tempo innovando gli studi sulla prospettiva, l’anatomia artistica e l’ingegneria civile. Durante il 1400, i nuovi approcci di questi tre padri del Rinascimento cominciano a diffondersi tra gli artisti di Firenze, come ad esempio Sandro Botticelli e Piero del Pollaiolo, e giungono a culminare nelle opere di Leonardo da Vinci, Michelangelo e Raffaello.

Leonardo, ragazzo dalla sconfinata curiosità, con i suoi studi nelle materie più disparate, incarna perfettamente l’ideale dell’intellettuale rinascimentale. Le sculture di Michelangelo sembrano prendere vita e anche per i contemporanei non hanno più niente da invidiare a quelle antiche. Raffaello, il più giovane dei tre, attraverso gli studi fatti col maestro Perugino, e memore delle innovazioni dei suoi due predecessori, realizza opere nelle quali finalmente, l’ordine umano e divino sembrano coincidere. Questi tre artisti, vissuti tra 1400 e 1500, rappresentano il culmine di quello che viene oggi chiamato Secondo Rinascimento e che apre la strada al movimento artistico successivo: il Manierismo.

Foto: Primavera, 1477–1482, Sandro Botticelli

Prodotti correlati

Musei correlati

Galleria degli Uffizi

A partire da €15,00

La Galleria degli Uffizi, costruita tra il 1560 e il 1580 su progetto di Giorgio Vasari, è tra i musei più importanti al mondo per le sue straordinarie collezioni di sculture antiche e di pitture (dal Medioevo all’età moderna).


Tempo medio di percorrenza:

2-3 ore

Museo di San Marco

A partire da €8,00

Il Museo di San Marco nasce come monastero dei frati domenicani intorno al 1437 quando Cosimo de’ Medici incaricò l’architetto Michelozzo di ristrutturare il vecchio edificio complesso. L’edificio attuale è un capolavoro dell’arte rinascimentale e conserva al suo interno una ricca collezione di opere, in particolare di Beato Angelico qui visse e operò per gran parte della sua vita.


Tempo medio di percorrenza:

1 ora

Palazzo Pitti

A partire da €16,00

In origine residenza del ricco banchiere fiorentino Luca Pitti, questo magnifico palazzo viene acquistato nel 1550 dal Granduca Cosimo I de’ Medici il quale vi stabilisce la sua corte assieme alla moglie Eleonora di Toledo. Dopo due secoli, dal 1737, la reggia sarà la dimora della famiglia Lorena, succeduta ai Medici nel Granducato, ed in seguito dei Savoia durante i cinque anni in cui Firenze sarà capitale d’Italia.


Tempo medio di percorrenza:

2 ore

Carrello
bearound-logo